Costellazioni familiari

family1.jpgLa forza nascosta della coscienza collettiva

Si tratta di una sintesi creativa di differenti approcci terapeutici a cui si aggiunge il contributo innovativo del terapeuta tedesco Bert Hellinger.
Il lavoro con le Costellazioni Familiari aiuta a sollevare il velo sui destini che legano i membri della famiglia l’uno all’altro e che attraversano le diverse generazioni,  mettendo in luce in che modo la sofferenza, il problema, il blocco che la persona manifesta nel presente rappresenti un modo di mantenere una certa “posizione”, un  ruolo, all’interno del suo sistema familiare.

Costituiscono un approccio sistemico dato che la persona non è presa nella sua individualità ma come parte di un contesto più ampio. Infatti  permettono di evidenziare come, oltre alla coscienza personale, esista una coscienza collettiva e familiare molto potente che agisce su tutti i componenti di un sistema familiare attraverso le diverse generazioni.
Attraverso le Costellazioni si è potuto comprendere che tale organizzazione del sistema familiare si fonda su una basilare spinta vitale e amorevole che  talvolta  diventa un compito spiacevole, un carico spaventoso, tragico. Compare una sorta di amore cieco, di cui molto spesso non siamo consapevoli e che avvertiamo soggettivamente come avesse la forza di un destino ineluttabile.

Ma “permettendoci” di ritrovare il primitivo impulso amorevole che muove  ogni sistema familiare, e affidandoci ad esso possiamo cooperare affinchè questo movimento di amore si ripristini e si possa di manifestare  come un impulso verso l’ordine e la riconciliazione. E’ un amore in accordo con i movimenti dell’Anima e si esprime in modo più ampio e maturo dell’amore cieco. Possiamo  riconoscerlo e usarlo per la trasformazione se “apriamo gli occhi” e guardiamo a tutto il sistema familiare, per come realmente è.

Sperimentalmente, Hellinger ha scoperto che,  abbiamo la capacità di ricreare l’invisibile campo energetico di un sistema familiare. E’ cioè possibile rappresentare il campo di influenza di una famiglia, pur senza conoscerla. Tale fenomeno è chiamato “Campo morfogenetico” o “Campo cosciente”

Grazie a  questa capacità è possibile durante un seminario, se lo si desidera, lavorare sui legami della propria famiglia, avvalendosi dell’aiuto di altri partecipanti come rappresentanti dei diversi componenti.
Quello che si manifesta è un quadro  significativo e coerente (spesso questo lascia letteralmente sbalorditi) della famiglia del cliente.
Il lavoro procede attraverso i movimenti dei rappresentanti e l’evoluzione delle dinamiche fino ad un nuovo equilibrio che rispetta un ordine (nel senso di un naturale, equilibrato rapporto relazionale),così che qualunque fosse la difficoltà avvertita in partenza, nuove risorse diventano disponibili per la vita della persona  e quella dei suoi familiari. Talvolta, questo accade nei mesi successivi al seminario, portando a cambiamenti sorprendenti.
Annunci